domenica 8 aprile 2018

Scuola domenicale: Il versetto a memoria


Una cosa che mi colpisce molto del Pastore Mario che guida insieme ad altri la nostra chiesa, è che durante i suoi sermoni cita tantissimi versetti della Bibbia a memoria. Sembra che facciano parte del suo discorso, che li abbia scritti lui, per quanto li cita con precisione e naturalezza. Molti di questi versetti li conosco anche io a memoria, e la stragrande maggioranza li ho imparati da bambina alla scuola domenicale. 

Abbiamo già parlato dell'importanza che i nostri piccoli imparino dei versetti della Bibbia, e quindi durante la "Scuola domenicale" c'è sempre un momento in cui insieme si spiega e memorizza un versetto che sia in sintonia con la lezione del giorno. 
Ecco alcuni modi simpatici per fare questo, unendo lo sforzo mnemonico al divertimento: 



- Dopo aver letto il versetto ai bambini più volte, scrivere il versetto parola per parola su tanti cartoncini e attaccarli sulle punte delle scarpe dei bambini (con la scritta rivolta verso di loro affinché possano leggerla!), invitarli quindi a girare per la stanza e ad un dato segnale di mettersi in riga, uno accanto all'altro, per formare il versetto. Ogni bambino leggerà poi la parte del versetto attaccata sulle proprie scarpe. Ripetere più volte fino che alla fine tutti riusciranno a dire il versetto insieme. 



- Dividere i bambini in due squadre e consegnare ad entrambe il versetto da imparare tagliato in tanti pezzi (tipo puzzle) che loro dovranno ricomporre. 

- Tirare un filo tra due sedie e attaccare con delle piccole mollette le parti del versetto scritto su cartoncini ritagliati a forma di vestiti (Vedi la foto in alto!). Leggere più volte insieme e poi a mano a mano togliere un cartoncino alla volta fino a che non si riesce a dire tutto il verso a memoria. 

- Scrivere il versetto su una lavagna con del gesso e dopo averlo letto più volte chiedere sempre ad un bambino diverso di venire avanti e cancellare una delle parole e poi di leggere il versetto ricordando le parti già cancellate. Si va avanti fino a che tutto il versetto non sia cancellato. 

- Mimare con i gesti il versetto. Non tutti si prestano a questo metodo, ma alcuni sono proprio adatti, come questo che abbiamo fatto ultimamente: "Poiché chiunque s’innalza sarà abbassato, e chi si abbassa sarà innalzato." (Luca 14:11) I bambini si mettono in punta di piedi e si accucciano seguendo le parole "Innalzare" e "Abbassare". 



- Illustrare il versetto con immagini. Scriviamo il verso in questione su un foglio o cartoncino e al posto di alcune parole mettiamo il disegno corrispondente. 

- Dividiamo i bambini in maschi e femmine, e diciamo loro che dovranno alzarsi in piedi e leggere il versetto una parola alla volta, dividendo il testo tra i due gruppi. Possiamo scrivere il versetto con due colori differenti per facilitare la comprensione della consegna. Ad esempio: "La tua parola è una lampada al mio piede ed una luce sul mio sentiero. (Salmo 119:105)

- Cantiamo più volte le parole del versetto con una melodia conosciuta tipo "Fra Martino", la musica è un ottimo veicolo per la memorizzazione!

Hai altre idee su come insegnare un versetto ai bambini in maniera simpatica? Lascia un commento qui sotto o scrivimi in privato per arricchire questo mini archivio!

giovedì 5 aprile 2018

Yogurt dip


Visto che è la terza volta che preparo questa ricetta nell'ultimo mese, visto che ogni volta aumento le dosi perchè non ce n'è mai abbastanza e visto che tutti continuano a chiedermi la ricetta...ora la metto per iscritto così non sarà più solo la mia ricetta segreta! 😉

Un yogurt-dip è una specie di pinzimonio o salsina che si accompagna molto bene a verdure crude tagliate a listarelle e alla carne alla griglia, ma parola di Lily, è ottima anche se ci intingi semplicemente delle patatine del sacchetto. 

La ricetta è nata un po' per caso, cercando qualcosa del genere sul web e improvvisando poi con quello che avevo in frigo, e visto che sono in un periodo in cui sto attenta alla linea, gli ingredienti sono tutti "magri" ma potete sostituirli con quelli normali se volete ottenere una cremina più densa.  

Gli ingredienti sono: 
- un vasetto di yogurt bianco magro
- mezza confezione di latticino fresco magro (tipo philadelphia)
- un cucchiaio di senape
- uno scalogno (o una cipolla piccolina)
- un cucchiaio di timo essiccato
- sale e pepe

Tagliate a piccoli pezzettini lo scalogno e poi frullatelo insieme ad un po' dello yogurt per triturarlo il più possibile. 
Aggiungete il latticino fresco e la senape e mischiate bene, ma senza frullare questa volat altrimenti la salsina verrà troppo liquida!

Infine aggiustate di sale e pepe e non dimenticate il timo, che da quel tocco in più per rendere la salsina davvero irresistibile. 

Le dosi riportate qui sopra sono per una ciotola da dessert, noi però ogni volta che l'abbiamo ri-preparata abbiamo aumentato la quantità dei singoli ingredienti mantenendo queste proporzioni...perché non ce n'è mai abbastanza! 


giovedì 22 marzo 2018

Pasta da modellare al bicarbonato


Qualche anno fa ho scoperto la pasta di bicarbonato e maizena, qui i nostri primi esperimenti, bianca e liscia è perfetta per fare addobbi e in più non necessita cottura ma si asciuga all'aria. 
Quest'anno l'abbiamo usata per fare delle piccole uova da appendere al nostro albero di Pasqua. 

mercoledì 21 marzo 2018

Mini cestini di spago


Ci sono cose che Lily adora, una di queste sono i mini cestini che abbiamo realizzato per Pasqua. 
E' un lavoretto che richiede abbastanza manualità, quindi questo è un attività per adulti o bambini grandi con supervisione di un adulto. 

martedì 20 marzo 2018

Coniglietto con i rotoli


Lavoretto facile facile alla portata dei più piccoli, idea simpatica come porta ovetti o come segnaposto per la tavola di Pasqua, ecco qua il tutorial passo passo per realizzare dei coniglietti con i rotoli di carta da cucina!



Il materiale è tutto quanto racchiuso in questa foto: rotolo vuoto di carta da cucina, cartoncino riciclato, pennarello rosa, trattopen nero, taglierino, colla vinilica, cotone idrofilo. 

domenica 18 marzo 2018

Lavoretti di Pasqua 2018

Approfittando delle (spero) ultime giornate di freddo e maltempo, abbiamo dedicato qualche pomeriggio ai lavoretti pasquali nella scorsa settimana. 
Principalmente ci hanno preso questi tre progetti:



i coniglietti porta-ovetti,



i mini-cestini di spago,


gli addobbi con la pasta di bicarbonato

Nei prossimi giorni posterò il tutorial di ognuna delle tre attività se volete provare anche voi con i vostri bambini. 

Per quanto ci piacciano i lavoretti, speriamo però che siano gli ultimi per un po' e che presto possiamo dedicarci alle amate attività all'aria aperta, al giardinaggio e alle passeggiate!!

Qui il link a tutti i nostri post sul tema "attività di Pasqua" degli anni scorsi:

Attività di Pasqua di Alta priorità


domenica 11 marzo 2018

Scuola domenicale: La torre di Babele

Aiuto! Devo raccontare una storia della Bibbia ai bambini e non ho nemmeno un'immagine!

Non è un problema, ci sono moltissimi metodi alternativi per attirare l'attenzione dei più piccoli, abbiamo già parlato di oggetti concreti e di Lego, oggi vi faccio vedere dei semplici disegni, che se sono riuscita io a farli vuol dire che ci può riuscire chiunque, e che possono essere un veicolo per schematizzare e raccontare una storia senza mezzi aggiuntivi. 

La storia in questione è la storia della Torre di Babele che troviamo in Genesi 11:1-8, alla fine di questo post potete leggere il brano in questione se non avete una Bibbia sottomano al momento. 

Ecco come mi sono organizzata:

Come introduzione alla storia, per catturare l'interesse, ho distribuito ad ogni bambino tre mattoncini di legno e ho spiegato loro che avremmo fatto il seguente gioco: "Costruiamo insieme una torre, io do delle indicazioni e voi le eseguite". Le indicazioni che ho dato sono state del tipo:
- "Carla chiedi a Laura di darti uno dei suoi mattoncini e mettilo per terra al centro."
- "Laura sistema un po' meglio il mattoncino messo da Carla e poi chiedi a Stefano se vuole venire con te a mettere giù bene gli altri due mattoncini che hai in mano"
- "Stefano dì a Rachele di alzarsi e di mettere i suoi tre mattoncini sopra alla nostra torre"
- "Giovanni e Marco scambiatevi i vostri mattoncini e poi mettetevi d'accordo su chi di voi potrà mettere per primo i propri mattoncini sulla torre."
- ...
In pratica ero una persona logorroica che con un fiume di parole metteva tutti d'accordo e spingeva i bambini a collaborare e a comunicare tra di loro. 

Quando tutti avevano messo i propri mattoni ne ho distribuiti altri tre a testa dicendo che avremmo ripetuto il gioco ma che ora avrei parlato in tedesco e in altre lingue, loro avrebbero dovuto fare quello che capivano. 
I bambini ad ogni ordine che davo mi guardavano sconcertati e perplessi, non comprendendo le mie parole. Ho dato loro il consiglio che se non capivano cosa dicevo potevano alzarsi tutti insieme e cercare di fare come meglio credevano. Inutile dire che si è creato il caos e la nostra torre alla fine è crollata rumorosamente a terra. Ed era esattamente quello che volevo. Da lì sono partita a raccontare la storia (riporto solo i punti essenziali, starà a voi elaborare un pochino!): 



giovedì 8 marzo 2018

Donne


Una donna forte e virtuosa chi la troverà?
Il suo pregio sorpassa di molto quello delle perle.
(Proverbi 31:10)
A tutte le Perle che ho incontrato lungo il mio cammino, a quelle che non incontrerò mai perchè rinchiuse da cancelli o da veli, a quelle che hanno fatto la differenza per noi oggi lottando per un ideale, a tutte coloro che dopo aver versato una lacrima rialzano il capo e vanno avanti: sono fiera di far parte di voi!

mercoledì 7 marzo 2018

Biglietto magico



Con BB, che ha sempre voglia di stupire gli altri, ci siamo divertite a creare un biglietto magico: da bianco e nero si colora semplicemente tirando fuori un cartoncino, com'è possibile?!?!

Ci sono serviti:
- cartoncino
- taglierino
- pellicola trasparente (tipo quella con cui si incartano i cesti di Natale!)
- pennarello indelebile
- pennarelli colorati normali

martedì 6 marzo 2018

Pon pon con le forchette


Ecco un lavoretto facile da fare in questi pomeriggi chiusi in casa per il mal tempo: i pon-pon!

Il materiale che serve è: 
- gomitoli di lana 
- forchette
- forbici

Proprio poca roba vero? Probabilmente avete già tutto in casa! E' un'attività che ha entusiasmato poco Elia che dopo il primo fatto insieme se n'è andato, in compenso è piaciuto moltissimo alle bimbe...in ogni caso è molto utile per stimolare la bimanualità