venerdì 2 marzo 2018

Parabola delle due case




Ecco un'idea per spiegare ai bambini la Parabola delle due case, che Gesù raccontò al termine del suo Sermone sul monte. (Matteo 7:24-29)

Invece di usare figure cartacee ho proposto loro due case di Lego con relativi personaggi. Come base della prima ho usato dei mattoncini di Lego per simboleggiare la roccia, l'altra l'ho sistemata su un fondamento fatto di sabbia magica (qui potete trovare una foto). 


La sabbia magica viene fatta mescolando insieme 8 tazze di farina con 1 tazza di olio (olio da cucina o olio da bebè) e ha la consistenza ideale per rappresentare questa parabola, perchè assomiglia molto alla sabbia come colore e consistenza e con l'acqua si disintegra, mentre quando è asciutta è abbastanza compatta da tenere su la casetta. 

Nel video vedete l'esperimento fatto a casa con Elia, nella nostra scuola domenicale ho invece dapprima raccontato la storia, utilizzando i personaggi che costruiscono la propria casa, e solo alla fine ho chiamato avanti uno dei bambini per "innaffiare" di pioggia le due costruzioni e vedere praticamente cosa significa costruire su uno scarso fondamento. 

Questa idea, come molte altre che uso, vengono da mia madre, bravissima insegnante per i bambini e mia maestra di vita. 



Qui il testo della Parabola:

Matteo 7,24-29

24 Perciò chiunque ascolta queste mie parole e le mette in pratica, è simile a un uomo saggio che ha costruito la sua casa sulla roccia. 25 Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa non cadde, perché era fondata sopra la roccia. 26 Chiunque ascolta queste mie parole e non le mette in pratica, è simile a un uomo stolto che ha costruito la sua casa sulla sabbia. 27 Cadde la pioggia, strariparono i fiumi, soffiarono i venti e si abbatterono su quella casa, ed essa cadde, e la sua rovina fu grande».
28 Quando Gesù ebbe finito questi discorsi, le folle restarono stupite del suo insegnamento: 29 egli infatti insegnava loro come uno che ha autorità e non come i loro scribi.


Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...