lunedì 17 agosto 2015

Restare


Durante le vacanze è così facile amarsi. Dopo una rilassante giornata al mare, con i bambini che la sera crollano a letto perchè sono stanchi, con la testa priva di pensieri  del lavoro e delle faccende domestiche, con il telefono che non prende bene e si può anche staccare ogni tanto, con i corpi abbronzati e lucidi di crema, si ha semplicemente voglia l'uno dell'altro, gli abbracci abbondano, le parole carine anche. 




Come cambia drasticamente lo scenario nella quotidianità...dopo una estenuante giornata di lavoro, passi davanti alla stanza in cui tre bambini potrebbero alzarsi da un momento all'altro per un qualche motivo molto valido (tipo il prurito ad un piede!), quasi inciampi nel cesto dei panni ancora da stirare e arrivi al bagno ridotto una schifezza dai tre di cui prima con panni sporchi ovunque e acqua pure, a fatica ti fai la doccia, arrivi sul lettone e...ti ritrovi un marito addormentato (o per raccontarla al maschile ti ritrovi una moglie infagottata nel pigiamone, con tanto di calzettoni e bigodini nei capelli).

Da qualche parte ho letto questa frase:
"-Chi ti ama ritorna.
-No, ti sbagli. 
Chi si pente ritorna. 
Chi ti ama, resta."

A volte restare è una sfida, come detto qualche post fa, spesso si ha solo voglia di mollare tutto e cercare un cambiamento dalla quotidianità che viviamo con pesantezza. 



Ma vogliamo soffermarci una volta sul fatto di quanto sia lodevole il rimanere? Rimanere fedeli, rimanere leali, rimanere e basta, nonostante tutto. 

Le circostanze della vita non sempre vanno come noi avremmo desiderato, io credo nella guida di Dio degli eventi della mia vita, ma lo stesso a volte sono scoraggiata perchè non vedo sbocchi né futuro...ma è proprio in quei momenti che si dimostra la propria forza e la propria fede. Sono disposta a rimanere? 
Sarebbe facile mandare a quel paese le proprie convinzioni e lasciarsi cadere nella depressione totale, così come sarebbe facile mandare a quel paese il proprio coniuge quando le cose non funzionano come dovrebbero, ma è veramente la strada più facile che porterà alla felicità?
Io non credo. 



Oggi abbiamo saputo che Franci non ha passato la selezione per il lavoro in cui speravamo veramente tanto e per il quale si era preparato con impegno per mesi. Come lui l'abbia presa non è il caso di scriverlo su questo blog perchè qua scrivo i miei pensieri e non i suoi. 

Per quanto mi riguarda, una parte di me è rimasta profondamente delusa, quella parte di me che sperava principalmente nel benessere economico per la famiglia e nell'appagamento sul lavoro per Franci. 
Ma da un punto di vista più "profondo" mi accorgo che la mia tristezza arriva solo fino ad un certo punto. Le cose importanti e a cui non vorrò mai rinunciare sono rimaste, ed è da esse che posso ricominciare a progettare il futuro della mia famiglia, primi fra tutti Dio e mio marito. 

3 commenti:

  1. Sono convinto che il Signore sappia cosa e' meglio per voi. Capirlo subito a volte non ci si riesce e nell'attesa di capire si soffre da cani. "dove ho sbagliato? Signore, ho fatto veramente la tua volontà?" Per quanto poco possa conoscervi, credo che il Signore abbia un piano speciale per voi, sia per te, ora che le ragazze crescono e se ne vanno 😊 sia per Franci, pensando ancor di più, se fosse possibile, come essere utile al Signore li. Mi ricordo di molte persone anziane, di molti bambini... Comunque sia so che il Signore vi benedirà. Un abbraccio forte a tutti voi. Stefano e Carmela

    RispondiElimina
  2. Un anno e più fa, per vari motivi, mi venne chiesto di cambiare ufficio. Mi rifiutai in tutte le salse ma alla fine cedetti per stima e fiducia nei confronti del mio datore di lavoro (che NON è il responsabile del cliente presso cui lavoro). Aspettavo di trovarvi un senso, prima o poi. E mano a mano sono successe varie cose e si sono sbloccati pochi ma fondamentali blocchi miei. Ora sono stata rispostata all'ufficio originario ma con altri colleghi e in una nuova location, con un bagaglio immensamente grande e con tante risposte a domande che nemmeno avevo fatte o con situazioni risolte dopo anni di lavoro personale.
    Ed è arrivato tutto al momento giusto, credo che gli anni di immensa "sfiga", svaniti mano a mano con quei 15 mesi in altro ufficio, siano stati una sorta di materasso a ciò che di difficile sta per ritornare fuori. Mi chiedo che progetti abbia Nostro Signore Lassù e perché si accanisca su determinate persone, ma l'unica cosa che mi viene da rispondere è "sia fatta la Sua volontà, avrà un altro progetto per me ora imperscrutabile" e pace se ogni tanto, tra una lacrima e l'altra mi scapperà qualche parolaccia di mancata comprensione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la tua esperienza, sentire di altri è sempre arricchente. Credo anch'io che Dio sa cosa sia meglio per noi e la cosa migliore da fare è affidarci alla sua santa volontà! Ciao, Lena

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...