lunedì 23 febbraio 2015

Fiori di pesco


Una cosa che mi ha lasciato a bocca aperta quando ci siamo trasferiti nel veronese 6 anni fa sono state le numerose piantagioni di alberi di pesco. 
Da allora la canzone "fiori rosa fiori di pesco" ha acquisito un significato...prima non avevo la minima idea di come fossero fatti i fiori del pesco, ora invece non passa primavera senza una foto immersi in una nuvola rosa di rami in fiore. 



E proprio ai peschi è ispirato il nostro lavoretto della primavera di quest'anno: essenziale e minimalista, secondo il trend giapponese di Marie Kondo che imperversa nella rete, rosa il tanto che basta per ricordarci che l'inverno sta finendo. 

Il materiale necessario sono
un foglio (noi abbiamo preso un cartoncino), tempere, pennello e una bottiglia di plastica. L'idea l'abbiamo presa da pinterest (qua).
Ed ecco come si fa: 



Con il pennello e la tempera nera si disegna in maniera stilizzata il tronco e i rami del pesco



Si versa il colore rosa su di un piattino. 



Si immerge il fondo della bottiglia nel colore e...



...si fa uno stampino sul foglio. 



Ed ecco il primo fiore di pesco. 



Si continua fino a che tutti i rami sono fioriti. 
E' stata un'attività perfetta per Lily: creativa ma veloce e senza troppi fronzoli...



Come vedete dal disegno di BB, anche lei ha gradito...ma è chiaro che il minimalismo non è roba per tutti ;-) 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...