venerdì 7 novembre 2014

Ambiti di competenza famigliari


Ma come fa a fare tutto? Quante volte me lo chiedo di altre mamme che lavorano, hanno due o tre figli e una casa sempre lucida quando invitano alle feste di compleanno. 
A volte lo chiedono anche a me e ad esclamazioni di stupore tipo "Ma con tre figli riesci anche a preparare le melanzane sott'olio?!?!" io metto su una faccia di finta noncuranza ma mentalmente rispondo "Sì, sì...ma non hai visto il cesto dei panni da stirare che straripa nè in che stato è la mia cucina oggi...hi!hi!hi!". 
In finale tutti dobbiamo un po' bluffare per stare a galla, e io non lo faccio neanche tanto...ormai è risaputo che la mia casa è aperta alle visite ma non all'ordine. 

Comunque qualche strategia per districarsi tra le mille faccende nel corso degli anni l'abbiamo un po' trovato con mio marito istituendo gli "ambiti di competenza", e cioè ambiti di cui uno solo di noi è responsabile e l'altro può fregarsene liberamente. 

Tutto è nato per una mia fobia atavica nel fare benzina alla macchina, lo so è ridicolo, ma io entro nel panico in quei posti che pullulano di maschi che ti guardano con sufficienza come se fossi un'impedita (tipo anche dal Ferramenta, ci avete mai fatto caso?)...e così per sfangarmela una volta per tutte ho proposto il patto: tu fai benzina, io stiro le camicie, per sempre, salvo casi di estrema emergenza. 

E da lì è nata una convenzione non scritta di ambiti di competenza famigliari che impegna solo uno dei due coniugi lasciando libero e spensierato l'altro.
Ora il progetto sarebbe quello di includere pian pianino anche i figli, visto che crescono e sempre maggiori responsabilità possono essergli affibbiate affidate. 


Come ogni mamma sa però, chi fa da sé fa per tre, e lì dove in un minuto avresti portato fuori l'immondizia ora devi perderne almeno 10 per controllare che il prescelto metta le scarpe e si infili il giacchetto, per aprirgli la porta e il portone, per osservarlo di nascosto dal balcone se mette il sacchetto nel posto giusto e per poi andare al citofono a riaprire il cancello e il portone. 


Però per il bene futuro mio e dei miei figli quando posso e c'è abbastanza tempo cerco di includerli maggiormente nei lavori domestici (specialmente quando non c'è scuola), ed è veramente molto quello che delle bambine di 5 e 7 anni riescono già a fare con un minimo di aiuto: rifare i letti, pulire i lavandini e il bidè, pulire gli specchi, preparare il tiramisù, portare fuori l'immondizia, passare il mocio, spuntare i fagiolini...e queste solo per dirne alcune.

...non vedo l'ora che una delle due avrà il "grande onore" di diventare la responsabile della pulizia bagni, faccenda che più odio ;-)


Il mio ambito di competenza è per ora "Assaggiatore ufficiale di tutto quello che mi capita tra le mani"!

2 commenti:

  1. ahahaha io ho un bimbo di 19 mesi, potrei prendere esempio da te! A che eta si può iniziare a fargli pulire tutto??? :-) baci http://unamammachecucina.blogspot.it

    RispondiElimina
  2. Fantastica Lena! Potrei iniziare a dare delle mansioni a Christian...hai perfettamente ragione!!! Rispetto agli ambiti di competenza a casa mia regna il caos.....come per ogni cosa del resto! Paolo si occupa della spesa e di cucinare...ebbene sì...ho questa gran fortuna e ho anche il coraggio di lamentarmi...:" c'è troppo sale, è sciampo...hai cucinato troppe/poche proteine" io mi occupo sempre dei panni e di tutto il resto che unito al lavoro sta diventando davvero troppo!!! Poi ci sono i periodi in cui Paolo è maggiormente occupato e io mi ritrovo a dover cucinare e....Vado in palla!!!! Ho pensato e. Visto un miliardo di menù settimanali ma mai che lo abbia messo in pratica almeno una volta :((

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...