sabato 30 agosto 2014

Pizza in padella


Caro blogghino quanto mi sei mancato! Ma non ti preoccupare...stiamo per tornare operativi! I viaggi e gli ospiti sono finiti e tra qualche settimana ricomincerà addirittura la scuola e quindi qualche momento in più da dedicare ai miei hobby lo troverò. 

Tanto per iniziare ecco una chicca che quest'estate ci ha accompagnato al mare e in montagna: la pizza in padella!

Creata per necessità perchè in montagna non ho un forno decente, nasce dal connubio di due ricette che più volte ho preparato: la piadina condita come una pizza e il pane arabo, che entrambe si preparano in padella. 


foto del web

Il procedimento è molto facile: basta preparare un impasto per la pizza qualche ora prima e quando è lievitato ricavarne delle pizze della dimensione adatta alla propria padella. 
Lasciando le pizze stese a lievitare ancora un pochino sotto un canovaccio verranno belle alte e focacciose, altrimenti se si preferisce una pizza più croccante si può mettere subito in padella. 
La padella va unta con un goccino d'olio e la fiamma lasciata al minimo così ci sarà un'ulteriore lievitazione durante la cottura. 
Quando un lato è ben dorato e croccante si gira la pizza, si farcisce come al solito (non mettendo troppo sugo perchè già la mozzarella tenderà a perdere abbastanza acqua), e poi si copre con il coperchio.
Non appena la mozzarella è sciolta si toglie il coperchio e si alza un pochino la fiamma per un tocco di croccantezza finale e la pizza è pronta per essere mangiata!

Le dosi che seguo io per la pizza sono: 
500 grammi di farina
250 ml di acqua
un cucchiaino di sale
un goccio d'olio
un cubetto di lievito di birra

Il sugo invece lo preparo mischiando a crudo i seguenti ingredienti e lasciando riposare per qualche ora affinché si insaporisca per benino: passata rustica, 2 spicchi d'aglio schiacciati, origano, olio d'oliva e sale. 

PS: ho scoperto che l'impasto della pizza si può conservare tranquillamente in freezer, basta tirarlo fuori diverse ore prima di cuocerlo per farlo scongelare e levitare ancora un po'...ora lo congelo già porzionato avvolto nella pellicola trasparente pronto all'uso ed è una grande comodità!

6 commenti:

  1. Bellissima idea, molto utile in campeggio!
    Buona domenica
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, in campeggio e in tutti i posti dove non va il forno o dove c'è troppo caldo per accenderlo!

      Elimina
  2. Mi son detto: quasi quasi la provo; anzi, no quasi quasi: la provo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dalla citazione del padre di Fabio Gizzi ho capito chi sei....hi ! hi!

      Elimina
  3. Mai fatta in vita mia!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. C'è sempre una prima volta...chiunque tu sia!

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...