giovedì 5 giugno 2014

Fascia porta bebè e Mei Tai

Prime prove con il Mei Tai
Ormai il pupo ha 4 mesi e mezzo e comincio a chiedermi se non è il caso di cominciare ad usare il Mei Tai al posto della fascia. 
Nella foga di "preparare il nido", pochi giorni prima del parto, mi sono messa alla macchina da cucire e seguendo le indicazioni di mamma-canguro mi sono cucita anch'io un Mei Tai di cui si continua a leggere tanto su internet.
Per chi non sapesse di cosa si tratta ecco la spiegazione (di bottega bubamara):


"Il Mei Tai è un porta bebè che strutturalmente ricorda il classico marsupio, è composto da uno schienale, delle bretelle e una cintura, il tutto in tessuto di cotone.
  A differenza del marsupio, però, il mei tai consente al bebè di poter assumere una postura del tutto fisiologica ed ergonomica, analogamente a tutte le altre fasce porta bebè."

In poche parole unisce in sé i pregi sia del marsupio (comodità nell'indossarlo, più fresco) che quelli della fascia (postura ottimale, avvolgente).





Però c'è ancora qualcosa che mi blocca, non so...è che questi primi 4 mesi e mezzo Elia li ha passati veramente quasi tutti stretto a me nella fascia, azzurra come i suoi occhi, ed è stato così bello che non ho proprio voglia di cambiare. 
"Signora, ma il bambino non ci sta nella carrozzina?" Certo che ci sta, ma vuoi metter la comodità di spostarsi avendo le mani libere, la bellezza di sentire il suo corpicino sul tuo, la meraviglia di seguire i suoi sguardi e le sue scoperte da così vicino? La carrozzina è una di quelle invenzioni moderne che sembra essere fondamentale, ma della quale in gran parte del mondo fanno tranquillamente a meno. Con un neonato basterebbe avere un seno pieno di latte, una fascia porta bebè e qualche pannolino e si potrebbe arrivare in capo al mondo!
Ok, ammetto che a volte anche la carrozzina ha la sua comodità, specialmente quando fai la spesa che puoi caricare tutto sotto, o quando la schiena è un po' stanca e ti vuoi riposare, ma credetemi, non è così indispensabile come ci viene da credere a volte. 

Guardavo  se trovavo una foto di Elia nella fascia....
Mi dispiace di non aver scoperto la fascia già con la prima figlia, certo le altre due le ho portate tanto nel marsupio, ma non era proprio la stessa cosa perchè i due corpi non sono direttamente attaccati uno all'altro, perchè il bambino è un po' "a penzoloni" e non così contenuto come nella fascia, inoltre il marsupio non si può chiudere tutto come un bozzolo intorno al bebè quando si addormenta. 

Vediamo se riuscirò durante l'estate a passare quindi al Mei Tai, e vediamo se quest'esperienza nel portare il piccolo sarà altrettanto piacevole come con la fascia, in ogni caso proverò...e tra qualche mese saprò dirvi la mia anche sul Mei Tai ;-)

2 commenti:

  1. Incinta della prima figlia con il mio compagno avevo fatto un giro in un negozio "di marca", disposto su 3 o 4 piani, salendo mi saliva l'ansia. Sentivo che mi mancava un sacco di roba, avevo 4 cose... la tendina per proteggere la bambina dagli insetti, da mettere sopra la culla, quella poi non l'avevo nemmeno pensata! E non sapevo nulla, non avendo partecipato al corso "Lezioni di corredino" su come dovevo vestire la povera piccola che sarebbe nata da lì a poco. Confortata dal papà, siamo usciti a mani vuoti... leggeri leggeri nonostante il mio peso. :-) Cl.
    P.s. Le quattro cose mi sono bastate, son rientrate nel ciclo del riuso e chissà che qualcuno non le stia ancora usando... :-)
    Uno STRABACIO ad Elia!

    RispondiElimina
  2. Quanto amavamo quella fascia Nathan e io. Hai provato anche a legarlo sulla schiena tipo africana?

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...