sabato 25 gennaio 2014

Elia


Mercoledì 22 gennaio alle 19:02 è nato Elia (significato: il Signore è Dio), il terzo diamante della nostra famiglia ;-) 
Il nostro frugoletto è sano, bello e profuma di bebè. La mamma a due giorni dal parto ha già saltato sul trampolino, dormito a pancia in giù e portato il suo piccolo nella fascia a fare la prima passeggiata (emotivamente è però ancora un po' provata...). 
Seguiranno aggiornamenti e dettagli con calma. 

11 commenti:

  1. Felicitazioni vivissime per questa nuova vita! Tanti auguri a tutta la famiglia, un abbraccione!

    RispondiElimina
  2. Congratulazioni!
    Noi stiamo ancora aspettando!
    Che Dio vi benedica.
    Eleonora

    RispondiElimina
  3. Che gioia! Auguri a questo bebè appena nato, affinchè riceva tante benedizioni!!
    E complimenti alla mamma per le sue performance :-)
    Un abbraccio a tutta la famiglia!

    RispondiElimina
  4. Congratulazioni Lena!!!
    Un abbraccio a tutti i componenti della famiglia, "vecchi" e "nuovi" :)

    RispondiElimina
  5. Fare la mamma è una roba difficile, per stomaci forti. Quando sei incinta, non sei più padrona del tuo corpo: dentro di te tuo figlio pretende attenzioni, riposo, cibi sani, risate, serenità… e tu non sei tu, tu sei il tuo pancione, tu sei una pancia che cammina e che attrae gli sguardi di tutti, e le mani di tutti, e le considerazioni (stupide) di tutti: lo sai che se la pancia è bassa è un maschio? lo sai che se mangi le cipolle il bambino piange? lo sai che non dovresti guidare la macchina? Poi il bambino nasce e tu non sei nemmeno più la pancia che lo conteneva: adesso sei l’attrice non protagonista, quella che nemmeno appare sulle locandine, quella di cui nessuno ricorda il nome. E così, anche se hai ancora il sedere grande come una portaerei, entri in una stanza e diventi improvvisamente invisibile: nemmeno tua madre si ricorda di te, e finisci a far da tappezzeria in casa tua, mentre amici e parenti ti strappano il neonato dalle braccia e se lo rimpallano come un pallone da rugby. Per fortuna c’è sempre qualcuno che sa fare la mamma meglio di te: ma lo sai che lo vesti troppo o troppo poco? ma lo sai che il tuo latte non è buono? ma lo sai che quando il bambino è stitico devi usare il gambo del prezzemolo? Ma una mamma lo sa. Una mamma sa tutto. Una mamma sa che il legame tra lei e il suo bambino è intenso e profondo e atavico. E’ un legame che nasce da un odore, dal contatto di pelle, da un suono. Un legame che nasce dai tessuti, dai pori, dalle cellule… un legame desossiribonucleico. Perchè una mamma è mamma tante volte: quando appaiono le due lineette rosa sul test di gravidanza, quando partorisce, quando allatta, quando cambia un pannolino, quando prepara il primo brodino, quando insegna a suo figlio a ridere, a camminare, a parlare, a correre… ad essere una persona. Una mamma rinasce durante ogni tappa di crescita del proprio bambino. E quando il neonato è diventato un bimbo grande, una mamma rinasce di nuovo, perchè sa che suo figlio non le appartiene, e che adesso appartiene al mondo a cui lei lo ha consegnato.

    RispondiElimina
  6. Benvenuto Elia! E auguri di cuore alla sua mamma!

    RispondiElimina
  7. Che meraviglia Lena! Congratulazioni anche per la scelta del nome! Complimenti alla mamma funambola! .... noto degli inconfondibili tratti Bozzi nella zona della bocca e del mento! Un abbraccio.

    RispondiElimina
  8. Ho letto solo ora... un grande benvenuto al piccolo Elia e congratulazioni a mamma, papà e sorellone!!!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...