martedì 3 marzo 2015

Goodbye criceti

Abbiamo traslocato!
Qualche settimana fa vi ho raccontato di come abbiamo accolto due criceti in casa nostra, di come da due poi sono diventati 8 e di quale soluzione abbiamo trovato per rendere loro la vita più accettabile in cattività, liberandoli un po' ogni giorno in salotto. 



Settimana scorsa, dopo aver avvertito varie volte che lo avrei fatto, un giorno li ho presi tutti e otto e li ho riportati al negozio di animali dove sono stati messi in vendita, sia i cuccioli che i genitori e dopo ciò ho pulito a fondo il salotto e ho sparso essenza di rosa per tutta la stanza.
Può sembrare una decisione drastica dopo solo due mesi di convivenza, ma io sono convinta di aver preso la decisione giusta e non me ne sono minimamente pentita. 

Benché liberandoli ogni tanto fossero diventati più docili e i bambini avessero potuto instaurare un rapporto più significativo con loro, in un certo senso non è mai scoppiato l'amore. Se non spronavo io le bimbe ad andare un po' in salotto a liberare, o perlomeno a guardare, i criceti, nessuna delle due ci pensava e così oltre alla pulizia della gabbia (che da quando avevano avuto i cuccioli era diventata quasi giornaliera) io mi sentivo in obbligo ogni mattina di passare almeno una mezz'ora con le bestioline libere in salotto per farle sfogare.

Ok, Elia si divertiva in quella mezz'ora, io un po' meno invece da quando hanno cominciato a rosicchiare la fodera del divano e a staccare i battiscopa, inoltre la puzza di topo era molto penetrante e per quanto arieggiavo la stanza ogni mattina venivo accolta da una zaffata di odore poco gradevole. 
Così mi sono detta: visto che io sono contraria agli animali in gabbia, visto che il mio tempo preferirei dedicarlo ad altre cose, visto che le bimbe non sono emotivamente legate ai criceti dato che anche per 2-3 giorni non li guardavano, visto tutto questo: ma chi me lo fa fare?


E' stata una bella esperienza, abbiamo imparato varie lezioni tipo come si soffre a stare rinchiusi, quanto sia impegnativo accudire un animale, come sia bello osservare la nascita e crescita dei cuccioli, e quindi ora la nostra esperienza si conclude con il proposito di avere altri animali quando un giorno avremo un giardino che li possa ospitare e quando i bambini saranno abbastanza grandi da accudirli con responsabilità. 

I bambini l'hanno presa abbastanza bene, solo BB ha mostrato qualche segno di dispiacere. Questa è la lettera che mi ha scritto qualche giorno dopo a scuola:

"Mamma mi hai spezzato il cuore perchè ieri mi hai portato via i criceti e sono dispiaciuta"
...dico a mia discolpa che le bimbe non si sono neanche accorte che mancavano i criceti  e ho dovuto farglielo notare io e BB ha pianto una sola volta e solo perché era triste che la sua amica che adora gli animali e che veniva in visita non poteva più giocare con i criceti...e penso che questo dica tutto sul loro legame emotivo. 


Per fortuna si sta aprendo la stagione e animali da visitare nella campagna circostante non mancano...e grazie al cibo avanzato dei criceti, anche una famiglia di merli ci visita regolarmente sul balcone della cucina con immensa gioia di Elia. 

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...