martedì 10 gennaio 2017

La scatola del tempo


Il primo dell'anno siamo andati nella casa in montagna per qualche giorno per scappare dallo stress e tornare alle piccole gioie che ti da ad esempio una bacinella d'acqua calda davanti al caminetto acceso, o al relax che ti danno le passeggiate all'aria aperta.



Ho preparato una cosa speciale da fare insieme come famiglia, una scatola del tempo, un progetto che da tempo avevo in mente ma che mi sembrava ancora più significativa fatta il primo giorno dell'anno. 
Quando, gasatissima, ho spiegato il progetto ai bambini, la loro reazione molto deludente è stata "Cosa? Una scatola del tempo? Sì, l'ha fatta anche Peppa Pig in una puntata..."

Beh, se volevano smontarmi ci sono riusciti! So che già altri hanno fatto questo esperimento della macchina del tempo (ne ho letto sul blog di Giada ad esempio), ma ...addirittura Peppa Pig, il cartone più commerciale del momento?
Vabbè, non mi sono fatta scoraggiare più di tanto e lo abbiamo fatto anche noi, e se voi per caso non sapete di cosa si tratta potete ora andarvi a guardare tutte le serie di Peppa o semplicemente continuare a leggere questo post, come preferite.


Il concetto di questo progetto è di prendere una scatola, riempirla con oggetti del momento e poi chiuderla e dimenticarne l'esistenza per parecchio tempo per poi riscoprirla un giorno e fare così un vero e proprio tuffo nel passato. 
La cosa è molto emozionante se lo si fa con bambini, perchè nel giro di pochi anni cambiano così radicalmente! Per noi adulti la cosa è forse meno evidente da un punto di vista di crescita fisico, ma sicuramente da un punto di vista emozionale anche per noi sarà interessante rileggere i nostri pensieri e le nostre abitudini di quando eravamo più giovani di qualche anno. 

Una sera quindi ci siamo seduti insieme e abbiamo preso una vecchia scatola di latta. Dentro ci abbiamo messo alcuni oggetti concreti che ci ricordano questo periodo e l'anno appena passato, come ad esempio un paio di calzini di Elia per ricordarci di come sono piccolini, una cravatta del lavoro del papà che da gennaio lavorerà per una nuova azienda, un biglietto di Natale che ci ricorda la nostra piccola chiesa di Pizzoletta che è nata quest'anno. Inoltre abbiamo scritto una lunga lettera a noi stessi in cui ci raccontiamo di come siamo al momento, cosa ci piace fare, quali sono le nostre abitudini o i nostri punti di forza, cosa abbiamo raggiunto o speriamo di raggiungere nei prossimi anni. 



Abbiamo chiuso la scatola, l'abbiamo nascosta in un punto sicuro e abbiamo azionato la macchina del tempo sul 2022: solo tra 5 anni esatti potremo riaprirla e guardarne il contenuto! Le cose sono state scritte da una famiglia con due ragazzine e un bambino...verranno lette da una famiglia con due adolescenti e un ragazzino di 8 anni, chissà che emozioni strane e contrastanti proveremo riaprendo quella scatola! Ci sarà nostalgia? Ci sarà rimpianto? Ci sarà indifferenza? Ci sarà soddisfazione per cosa siamo diventati? 
Tutto questo ancora non posso saperlo, ma se questo blog esisterà ancora sicuramente ve lo racconterò a gennaio 2022!

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...