venerdì 30 novembre 2012

Psicomotricità: l'olfatto


Tempo di scrivere post ultimamente ne ho veramente poco, menomale che con l'inizio di Dicembre i miei impegni lavorativi per un pò rallentano e così ne trarremo beneficio tutti : la famiglia, la casa e perchè no, il blog. 

Intanto posto velocemente questa attività che ho proposto ai bambini medi e grandi delle scuole materne durante la settimana dedicata alla scoperta dei nostri sensi: la tombola degli odori

Ho riempito dei bicchieri di plastica con vari odori: 
  • cotone imbevuto di aceto
  • caffè macinato
  • detersivo della lavatrice
  • cotone imbevuto di dopobarba
  • spicchio di limone
  • pezzetti di cipolla cruda
  • cotone con olio essenziale di menta
  • cotone con olio essenziale di rosa
  • terra
Ho disegnato poi per ogni odore su un foglio l'oggetto corrispondente per dargli maggiore concretezza e per aiutare i bambini con difficoltà espressive che così potevano indicare la figura invece di nominare l'odore. 

Per l'attività stessa si può procedere in molti modi, a seconda del gruppo con cui avevo a che fare ho modificato il gioco. 
Con tutti sono partita nominando l'odore (o a farlo indovinare a loro) e mostrando poi il disegno corrispondente sul foglio. Abbiamo poi convenuto sul fatto che alcuni sono profumi (odori gradevli) mentre altri sono puzze (odori sgradevoli) e che anche questa cosa è soggettiva in quanto ad alcuni piace l'odore dell'aceto mentre ad altri no ecc..

Quindi ho bendato un bambino per volta (o due per volta a mò di gara), l'ho fatto annusare da uno dei bicchieri e lui doveva indovinare quale odore era.
Per non doverli bendare si potrebbe costruire la tombola anche con contenitori chiusi e forati, io ho preferito invece bendarli proprio per far prendere loro maggiore consapevolezza dell'esclusione dello strumento visivo e quindi una maggiore concentrazione sull'olfatto. 

Questa attività si può facilmente rifare a casa, e perchè no si potrebbe anche fare in versione doppia tipo memory...a questo proposito ho appena realizzato un memory uditivo per i più piccoli, ma di questo parlerò in un alto post!

mercoledì 28 novembre 2012

Caro diario...

Questa è di nuovo una settimana in cui il papà lo vediamo ben poco, inoltre piove a dirotto e ultimamente abbiamo avuto alcune delusioni lavorative, quindi mi sembra il momento giusto di fare un pò il rescoconto degli ultimi giorni, tanto per tirarmi su il morale e vedere che tanto male poi non stiamo!


Autunno 2012

Intanto voglio ringraziare Dio per il meraviglioso Autunno che ci ha donato quest'anno! Quante giornate di sole in cui ammirare gli splendenti colori caldi, propri di questa stagione, e in cui fare bellissime gitarelle! Sono ormai 4 anni che viviamo qua a Verona e mai mi era capitato di avere così tante giornate belle in autunno (abituata com'ero alle famose giornate ottombrine romane..) ma sempre giornate uggiose e di nebbia. 

trecce all'uvetta



Un'alra cosa che non ci è mancata ultimamente sono anche gli sfizi per il palato...la settimana scorsa abbiamo fatto queste trecce e lumache all'uvetta ricoperte di zucchero e cannella che erano meglio di qualsiasi brioche comprata! Un giorno di questi vi posto la ricetta!

Lago di Garda
Mercoledì era il giorno libero di Franci e così siamo andati a pulire la chiesa, visto che era il nostro turno, e abbiamo fatto approfittato per una breve sosta con pic-nic sul lago di Garda.

Venerdì 23 novembre
Venerdì poi una di noi si è concessa una capatina da Matteo, il nostro parrucchiere, tanto da sistemare quella povera testolina che di capelli ne ha sempre meno perchè continua a strapparli mentre dorme...
E la sera siamo andati tutti a mangiare la pizza e le cozze con i nonni come premio per aver aiutato a raccogliere le olive!

Ok, le cose vanno piuttosto bene e come dice la frase che ho sul frigo "La qualità della tua vita e la tua felicità dipendono più dal tuo atteggiamento che dalle circostanze", quindi via l'umore mogio e affrontiamo la seconda parte della settimana con nuovo slancio!




lunedì 26 novembre 2012

Calendario dell'avvento

costruiamo il presepio
Quel genio di mio marito!!!
Mancano pochi giorni al primo dicembre e ancora non avevo idee per come fare il calendario dell'avvento, anche perché non mi piaceva l'idea di un regalino o dolcetto ogni giorno per le bimbe (troppo immotivato!), e poi l'idea geniale di mio marito: costruiamo un presepe e ogni giorno facciamo trovare alle bimbe un pezzo da aggiungere fino a che la notte del 24, quando racconteremo la storia del Natale, potremo porre la figura di Gesù appena nato e completare il countdown. 
Ora il problema era ancora uno: da dove prendiamo le figure del presepio, visto che non l'abbiamo mai fatto? E anche lì il maritino ha avuto l'idea pronta: costruiamo tutto noi con una partita di polistirolo che qualche giorno fa ha recuperato al lavoro...e allora scusatemi, ma vado ad assistere l'inizio dei lavori!



PS: è proprio vero che la creatività è contagiosa! Guardate come mi ha abbellito lo specchio Franci quache giorno fa: tutte le foto-rito (stesi per terra e con l'autoscatto) che facciamo ogni anno da quando ci conosciamo, me le ha appese con un sistema di doppie calamite intorno allo specchio dell'ingresso!

domenica 25 novembre 2012

Musica Gospel



Oggi conferenza sulla musica Spiritual e sulla musica Gospel (che ho scoperto non essere la stessa cosa!) a Castelnuovo del Garda e per concludere un super concerto con gli "Animula Gospel Singers"....adoro questa  musica e anche le bimbe hanno apprezzato molto!
Credo proprio che un giorno in cielo il gospel non mancherà!


sabato 24 novembre 2012

insalata di riso fai-da-te

Domani facciamo un pic-nic con gli amici della chiesa e così ho appena finito di preparare l'insalata di riso....e mi sono ricordata di una cosa che mi ero inventata per le bimbe quest'estate: l'insalata di riso fai-da-te!
Per chi è cresciuto come me con "Si assaggia tutto e si finisce tutto quello che c'è sul piatto" è sempre difficile scendere a compromessi quando siamo a tavola, ma come tutte le mamme sanno il momento del pasto è sempre un pò difficile, i "gusti sono gusti" e tra 4 persone ognuno ha le proprie preferenze.

insalata di riso fai da te

E così per fare qualcosa di diverso ho fatto così: ho cotto il riso e preparato tutti gli altri ingredienti che di solito mettiamo nell'insalata di riso (carote leggermente sbollentate, piselli, uovo sodo, tonno, cetriolini,  pomodoro fresco, prosciutto cotto) e li ho messi in tante ciotoline colorate, e poi ho chiamato a tavola...ed è stato un successone! 
Con la scusa che potevano scegliere da sole come condire il loro riso, le bimbe  hanno mangiato anche più verdure del solito e nessuna si è lamentata di niente.

piramide alimentare

Ora comunque abbiamo affrontato insieme il discorso della piramide alimentare e coinvolgendole così, i capricci a tavola si sono ulteriormente ridotti, evviva!



venerdì 23 novembre 2012

Meringata speedy

biscottini e meringata
Forse continuo a fare dolci e a pubblicarli sul mio blog solo per fare gola ai miei amici e parenti di Roma così che mi vengano a trovare presto (a buon intenditor...)...comunque tra i vari biscottini (che stavolta in versione blu sembrano degli alieni!) che impasto con le bimbe stavolta ho provato a fare la Meringata. 
Premetto che fino a un mese fa non sapevo neanche cosa fosse, ma poi le mie vicine di casa l'hanno nominata e mio marito ha cominciato a sbavare e così mi sono fatta dare la ricetta e ho provato a farla....certo che parlare di ricetta qui è un pò azzardato, perchè quello che bisogna fare è solamente montare la panna fresca con lo zucchero e poi incorporare delicatamente un bel pò di meringhe leggermente sbriciolate, quindi si fa riposare il tutto in freezer per un pò e il gioco è fatto...e il maritino ha gradito molto!
Magari la prossima volta faccio lo step successivo e provo a fare anche le meringhe invece di comprarle...

mercoledì 21 novembre 2012

Odi et amo

...scarpe rotte eppur bisogna andar! (Nomadi)
Oggi mentre pulivo i bagni ho pensato: la cosa che meno mi piace fare è pulire i bagni. Sì, odio anche andare a fare benzina, ma tra le due quella dei bagni è un pochino peggio. 
Poi però per non restare in negativo ho cominciato a pensare a qual'è la cosa che invece mi piace fare più di tutte, e la risposta mi è venuta in un secondo: camminare immersa nella natura e possibilmente insieme a qualcuno! (...e le mie scarpe bucate confermano che non mento!)
E per voi quali sono le cose che più amate e più odiate fare?

PS per la mamma: sì, le ho buttate le scarpe rotte e me ne sono comprata un paio di nuove, stai tranquilla!

martedì 20 novembre 2012

Jump!

Bombaaaaa!!!!

Il sogno nel cassetto? Un trampolino gigante in giardino! 
Ci vorrebbe proprio ora con lo stress di questi giorni a pieno ritmo.
Questa meraviglia l'abbiamo sperimentata più volte in Germania e Svizzera....ti scarica in una maniera incredibile, è super divertente a tutte le età, e inoltre è un ottimo allenamento per tutto il fisico....e allora Jump! Jump! Jump!


lunedì 19 novembre 2012

Gufo


Addobbi autunnali

Ok, è ormai ora di togliere tutti gli addobbi autunnali, le nespole e le zucche del nostro cesto cominciano a marcire e i colori delle folgie in giro assomigliano sempre meno a quelle disegnate sui nostri vetri della cucina.

Ma prima di togliere tutto voglio lasciarvi ancora quest'idea che ho trovato in una delle scuole dove lavoro e che ho rifatto a casa (e che ormai sfrutterete per l'anno prossimo!): il gufo con la busta del pane. 
ll procedimento è molto semplice, basta riempire una busta del pane con un palloncino o della carta da giornale, chiuderla in fondo con la spillatrice e attaccare gli occhi grandi e tondi fatti con il cartoncino giallo, il becco e le zampine fatte a forma di triangoli su cartoncino arancione, e le ali fatte disegnando il contorno delle mani su un cartoncino marrone. 

E ora cominciamo a pensare a qualche decorazione più invernale e natalizia, chissà cosa ci inventeremo quest'anno?!?!



Con questo post partecipo a:

C'e' crisi, c'e' crisi!

domenica 18 novembre 2012

Psicomotricità: Rilassamento

Momenti di rilassamento a casa nostra non mancano!

Nel corso delle lezioni di psicomotricità una cosa che verso la fine dell'incontro mi piace proporre ai bambini sono alcuni attimi di rilassamento in cui il ritmo rallenta, si riflette su quello che abbiamo vissuto e ognuno può esprimere qualcosa sulla lezione appena passata. 

Talvolta dedico un po' più di tempo a tutto ciò con un gioco specifico, e sebbene per la maggior parte dei bambini è facile correre, urlare, scatenarsi, e solo la minoranza riesce a fare attività calme e di concentrazione per un tempo ragionevolmente lungo, stranamente quasi tutti amano le attività di rilassamento. 

Questa settimana al gruppo dei 4-5 anni ho proposto la seguente attività, che come al solito potete provare a riproporre a casa o addirittura a qualche festa. 
L'attività inizia con una storia che racconto mente i bambini sono seduti uno vicino all'altro in una posizione comoda sul materassino della palestra
(Vi scrivo il succo del racconto, poi sta a voi interpretarla e arricchirla di particolari che catturano l'interesse del gruppo):

"C'era una volta un bambino viziato che per il suo compleanno riceve dai genitori un bellissimo trenino, il bambino lo disprezza ed elenca cose che gli sarebbero piaciute di più (nintendo, wii, playstation....). I genitori un pò offesi dicono al bambino di andare lo stesso giù al parco a giocare con il suo trenino nuovo. Il bambino viziato va al parco e per ripicca gioca a staccare i vagoni del treno e a lanciarli in giro, e poi torna a casa.
Poco dopo un altro bambino arriva al parco, anche lui ha avuto il compleanno ma ha ricevuto solo delle figurine perchè la sua famiglia è molto povera, ma non se ne dispiace perchè sa che i genitori lo amano. Il bambino povero mentre gioca con le sue figurine al parco trova un vagone del trenino e poi cercando piano piano riesce a ricostruire il trenino intero e dice che è stato il compleanno più bello della sua vita e torna a casa."

A questo punto dico che per finta ora io sono il bambino viziato e loro sono il mio trenino nuovo e comincio a tirare via i vagoni/bambini dal materasso, due per volta, e li "lancio" in giro per la palestra (questo momento li fa divertire da matti e gli da giusto una bella carica di adrenalina). 
Quando anche l'ultimo pezzo del treno è stato lanciato, esco dalla stanza e, un secondo dopo, rientro e spiego che ora sono diventato il bambino povero che trova i vagoni del treno nel parco, spiego inoltre che in quanto vagoni loro devono restare sdraiarti a terra e non possono nè muoversi nè parlare e io andrò per primi proprio da quelli più fermi e rilassati. Poi comincio a girare per la palestra e ogni tanto tiro su un bambino/vagone e formo un trenino di bambini. Quando ho tirato su anche l'ultimo bambino esclamo "Che bel trenino nuovo! E' il più bel compleanno della mia vita".
Si può poi concludere in vario modo, ad esempio approfittare del fatto che sono tutti calmi e silenziosi e riportarli così in classe (le maestre ringraziano!), oppure si può provare se il trenino funziona e premere sul naso del primo bambino e cominciare a correre tutti insieme facendo il verso del treno. 

Non voglio fare qui disquisizioni teoriche ma solo lasciare qualche input di attività possibili con i bambini, sarete voi stessi a restare meravigliati scoprendo le mille sfaccettature di questa semlice attività e dei risultati che di volta in volta si ottengono in base al gruppo di bambini e alle modifiche che si fanno (per esempio far impersonare il bambino viziato e il bambino povero a due dei bambini)!

sabato 17 novembre 2012

Cookies con gocce di cioccolato

Sì, è stato decisamente un buon sabato, per di più ora le bimbe sono ad una festa e così ho due orette tutte per me!
Stamattina, come programmato, abbiamo messo in forno i cookies con le gocce di cioccolato per avere una colazione un pò speciale e, cosa strana, sono piaciuti a tutti e quattro (sì, a casa mia siamo schizzinosi anche con i dolci!). 
La ricetta che seguo io è questa: 
  • 120 g burro
  • 120 g zucchero di canna
  • 60 g zucchero bianco
  • 1 uovo sbattuto
  • 1 bustina di vanillina
  • 180 g di farina
  • 1/2 cucchiaino di bicarbonato
  • 1/2 cucchiaino di sale
  • 100 g  cioccolato fondente a pezzetti
  • 60 g nocciole tritate (quando non le ho aumento di 60 g la farina oppure metto fiocchi d'avena)

Bisogna mischiare tutti gli ingredienti seguendo l'ordine della ricetta e poi, usando un cucchiaio o direttamente le mani, si formano delle palline di impasto che si dispongono sulla teglia foderata di carta, distanziandole tra di loro di qualche centimetro perchè durante la cottura si allargano. Si cuociono in forno a 190° C per 10-12 minuti e poi si fanno raffreddare su una griglia per alcuni minuti


PS: l'impasto si può preparare tranquillamente la sera prima e tenere in frigo fino al mattino!

venerdì 16 novembre 2012

Olive

Evviva, è venerdì sera! Questa settimana è stata alquanto intensa...e allora il weekend questa volta me lo godrò il doppio! Il programma per domani: infornare dei biscotti per colazione e appena sono pronti mangiarceli a letto, poi coccole, letture, e se ne abbiamo voglia, ad un certo punto ci alzeremo :-) 

Questa settimana, tra le altre cose, siamo stati di nuovo a San Zeno per aiutare i miei suoceri nella raccolta delle olive. Era la prima volta che partecipavamo ed è stato molto bello (e a giudicare dai vari dolori a schiena e gambe, anche faticoso!). 
Ho fatto solo poche foto perchè non c'era tempo da perdere e abbiamo lavorato sodo, sia da terra che arrampicandci sulle piante. Anche Lily ha avuto il suo bel da fare e le ho promesso una bottiglietta di olio tutta per lei, fatta con le "sue" olive.
Speriamo l'anno prossimo di poter assistere anche nel momento della spremitura al frantoio, così la lezione sull'olio d'oliva extra vergine sarà completa!  

Che meraviglia l'Italia, per mille ragioni a volte scapperei....ma poi ci sono questi momenti, questi colori, questi odori, questi sapori e penso che l'Italia sia uno dei posti più belli al mondo!


martedì 13 novembre 2012

Nascondino

quando c'è lo viziamo (a volte!!)

Ormai sono più di due anni che Francesco lavora come guardia nel centro commerciale della Grande Mela, ma ancora non riusciamo ad abituarci ai suoi turni assurdi e strampalati. Pensate che tutte queste sere in casa da sola mi hanno addirittura portato ad aprire un mio blog ;-) 
Spesso ci sono scene di pianto delle bimbe perchè papà va via quando invece loro sono appena tornate da scuola, nonchè telefonate serali per dirsi almeno buonanotte, anche se senza il corollario di coccole e scherzetti non è proprio la stessa cosa.
D'altra parte siamo fortunati perchè poi capita che il papà ha il giorno libero (quando coincide con quello della mamma) e non si va a scuola ma si improvvisa una gitarella, oppure capita di passare un pomeriggio in casa tutti insieme e allora diventa subito una festa, come la scorsa domenica.
E visto che oggi sono triste che siamo di nuovo sole posto tutto per me questo collage di foto scattate durante l'ultimo nascondino fatto insieme (avere la casa vecchia ma con tante stanze ha i suoi vantaggi!)

nascondino col papà...che è sempre il più bravo a nascondersi!

lunedì 12 novembre 2012

Pasta modellabile

Ecco il nostro pongo

I pomeriggi in casa ormai cominciano a diventare tanti e così sabato ci siamo preparate una scorta di pasta modellabile per tutto l'inverno (secondo la ricetta della mia vicina di casa).
E' molto facile farla, nel web circoleranno sicuramente mille ricette, comunque le dosi che abbiamo usato noi sono:
  • 2 cucchiai di olio di semi
  • 50 g di cremor tartaro (è un agente lievitante, noi ne avevamo solo 16 g ed è venuto lo stesso)
  • 150 g sale fino
  • 125 g farina bianca
  • 225 g acqua
  • coloranti alimentari
Abbiamo mischiato gli ingredienti e cotto l'impasto per un pò a bagno maria. Quando ci siamo accorte che l'impasto diventava corposo lo abbiamo steso su un foglio di carta forno e lo abbiamo lasciato intiepidire. 
Poi abbiamo diviso l'impasto in tre parti e, per ripassare la formazione dei colori secondari, abbiamo creato il pongo viola, verde e arancione...e poi naturalmente abbiamo giocato!!!

Ora il pongo è avvolto nella pellicola di plastica e riposa in frigo, pronto per la prossima occasione di gioco. 

Devo dire che è stato molto semplice realizzarlo e ha dato molta soddisfazione alle bimbe che hanno potuto fare quasi tutto da sole...e se si pensa a quanto costa il didò, è anche molto economico!

domenica 11 novembre 2012

Croccante al sesamo






Oggi non ci sembra vero di essere una famiglia "normale" con il papà a casa di domenica! Programma domenicale: chiesa la mattina con il papà che predicava e la mamma che faceva la scuola domenicale, pomeriggio con cartone disney tutti insieme, nascondino in giro per la casa, e pizza con quello che c'è in frigo!

E con i primi freddi c'è voglia di cose dolci e nutrienti...cosa c'è di meglio del croccante al sesamo per accompagnare una tazza di tisana calda? Noi l'abbiamo fatto seguendo queste dosi trovate in rete (credo fosse qua ma di siti ne ho visti diversi):

  • 200 g di sesamo
  • 100 g di miele
  • 100 g di zucchero
  • 50 g di mandorle

In un pentolino abbiamo sciolto lo zucchero nel miele e dopo che è arrivato a bollore abbiamo aggiunto il sesamo e poi le mandorle tagliate grossolanamente. Poi basta far cuocere il tutto a fiamma bassa per 25 minuti mescolando frequentemente e quando il composto ha preso un colore marroncino si versa il composto tra due fogli di carta da forno e si stende con il mattarello, si fa raffreddare solo qualche attimo e poi si taglia a pezzetti mentre è ancora caldo (altrimenti non ci si riesce più!).

Buona settimana a tutti!


PS: in più ho scoperto che il sesamo ha un sacco di proprietà nutritive buone....e così ci laviamo la coscienza per le calorie!

sabato 10 novembre 2012

Nespole

Ancora gita autunnale! D'altra parte c'era l's.o.s di mia suocera che doveva andare a raccogliere le nespole a San Zeno di montagna e come potevamo rifiutare? Inotre c'era una giornata meravigliosa e Franci con il turno di sera, così siamo partiti la mattina, abbiamo comprato pane e prosciutto e ci siamo fatti una bellissima giornata in mezzo alla natura con visuale sul lago di Garda. 


Nespole a San Zeno di montagna

Questo posto è un vero paradiso in terra e capisco fin troppo bene mio suocero che non riesce a starne lontano per più di qualche giorno!


Al laghetto con i pesci rossi



Come l'altra volta poi abbiamo approfittato per fare un carico di legna da portare a Ferrara di Monte Baldo e per seminare un pò di esche topicide (...mi sento molto in colpa per questo cari topini!).



E a San Zeno la mangiatoia ha trovato un posto degno di lei!

venerdì 9 novembre 2012

Psicomotricità: la memoria

Che ne dite se vi porto con me a una lezione di psicomotricità?
Oggi l'argomento dei più grandicelli (4-5 anni) era la memoria, e la lezione si è rivelata molto utile non solo per la memoria ma anche per la concentrazione e l'attenzione, qualità che ultimamente scarseggiano sempre più tra i bambini.  

Dopo i soliti rituali di accoglienza e un'introduzione della nostra marionetta Mimì su cos'è la memoria, abbiamo fatto le seguenti attività :


 1. Memoria a "lungo termine" (comunque limitata ai 45 minuti di lezione): ad ogni bambino ho chiesto il proprio nome e una parola qualsiasi che gli venisse in mente, ho scritto tutto su un foglio raccomandandomi di ricordarsi la parola fino alla fine. Come ultima cosa del nostro incontro ho richiesto a ciascuno la parola dettami all'inizio (circa un 10% non la ricordava). 


 2. Memoria e movimento: ho disposto in mezzo al cerchio 10 oggetti differenti e li abbiamo nominati insieme, quindi li ho coperti con un foulard e ho fatto correre i bambini al ritmo di una canzone mentre io di nascosto toglievo uno degli oggetti. Ho poi spento la musica e ho tolto il foulard e...silenzio imbarazzante...quasi nessuno si ricordava l'ggetto mancante! Rifacendo poi il gioco più volte e aumentando via via il numero degli oggetti tolti i bambini si sono infervorati e alla fine riuscivano a ricordare tutti gli oggetti presenti sotto al foulard. 


 3. Memory gigante: questo è un gioco molto facile da realizzare e segue il principio del classico gioco del memory. Ho preso 20 piatti di plastica rossa e vi ho attaccato delle coppie di oggetti (per es: puffo e puffetta, due diverse conchiglie, 2 scarpine di neonato, due guanti spaiati, due ciucci, 2 macchinine ecc...) Ho diviso i bambini in 2 squadre e a turno ogni bambino poteva venire a girare due piatti e così cercare di fare un punto per la propria squadra. 



Memory gigante

 4. Memoria e lavoro di squadra: ho fatto mettere i componenti della squadra A ciascuno in un grande cerchio di plastica (disposti uno accanto all'altro) e ho fatto memorizzare la loro posizione ai bambini della squadra B rimasta seduta. Poi mentre i bambini seduti chiudevano gli occhi ho fatto cambiare di posto tra di loro i bambini nei cerchi. 

Il compito per la squadra B è stato poi quello di alzarsi e (con delicatezza) rimettere i bambini della squadra A nei cerchi di origine. Questo gioco riesce quasi sempre se c'è un buon lavoro di squadra!

Spero che a qualcuno di voi queste attività possano tornare utili! 

Buon weekend a tutti! 

giovedì 8 novembre 2012

Bilinguismo

BB alle prese con il "Robottese", lingua inventata da papà  :-)
Piano piano sto comnciando a raccontare un pò di noi come famiglia, più che altro per chi non ci conosce e per coloro con i quali negli anni mi sono persa un po' di vista!

Ieri una mia amica mi ha invitata a visitare il sito Bilingue per gioco e devo dire che mi è piaciuto molto!

Essendo io nata da padre italiano e madre tedesca, parlare due lingue è stata per me la quotidianità (e ringrazio i miei genitori per la costanza a praticare la lingua minoritaria in casa!).


Con la nascita di Lily mi è venuto spontaneo parlare con lei in tedesco e così anche lei e poi BB sono cresciute bilingui, pur avendo Francesco che non spiccica una parola di tedesco. 

Inizialmente ho incontrato molte critiche, specialmente da quando ci siamo trasferiti a Verona, da parte di mio suocero "La confondi!", ma lui stesso si è ricreduto e ultimamente mi ha fatto dei grossi complimenti per la mia tenacia nell'insistere con il tedesco. 

Lily è sempre stata una mente "sveglia" in tutti gli ambiti e già a 2 anni e mezzo padroneggiava perfettmente le due lingue. 
Con BB ho avuto qualche difficoltà in più dato che è stata molto più lenta in tutte le sue tappe di sviluppo, in italiano  ancora un po' balbetta e non trova la parole con velocità e spesso fa un gran mix con le due lingue (specialmente quando cerca di parlarmi in tedesco), ma la cosa  non mi preoccupa più di tanto in quanto vedo un progressivo miglioramento e   per ora non ipotizzo ancora un disturbo specifico di linguaggio (vedi a cosa serve avere la mamma terapista!).

Gli aiuti più grandi che ho avuto stati tutto il materiale in lingua: libricini e favole,  audiocassette con racconti, cd con canzoncine, e poichè non abbiamo la televisione (per scelta, fin dall'inizio del matrimonio) sto sfruttando molto youtube per trovare cartoni tedeschi adatti all'età. 

Una grande soddisfazione? quando le sento parlare in tedesco mentre giocano da sole in cameretta! (Non capita spessissimo comunque)

Da domani dovrei cominciare a dare lezioni private di tedesco a un bambino di 6 anni...la cosa mi sfizia molto e ho già preparato tanti giochi divertenti da fare insieme, la sola incognita che mi resta è quali traguardi posso sperare di raggiungere con una sola lezione a settimana. Vi terrò aggiornati sugli sviluppi ;-)


PS: una particolarità interessante è che fin da piccola Lily si è inventata una sua lingua che ha chiamato il "Lillese" che si parla a "Lilliland"...ma di questo vi parlerò un altra volta!




mercoledì 7 novembre 2012

Psicomotricità

gioco della campana: più psicomotricità di così!

Sarebbe ora di scrivere qualcosa del mio lavoro, che dite?
Intanto premetto per chi non mi conosce bene che sono laureata in Terapista della neuro e psicomotricità dell'età evolutiva, ma che al momento non sto lavorando nel mio mestiere bensì sono attiva come Psicomotricista nelle scuole materne, e ciò principalmente per motivi famigliari: lavorare durante l'rario scolastico mi da tempo di stare con le bimbe il pomeriggio, cosa che come terapista è più difficile in quanto la maggior parte delle terapie si svolge di pomeriggio. 

Sono ormai 2 anni che lavoro nelle scuole del veronese e devo dire con somma gioia di aver avuto riscontri veramente positivi tanto che alla cooperativa tramite la quale lavoro ormai le scuole richiedono specificamente me e non un operatore qualsiasi per il progetto di psicomotricità. 

D'ora in poi ogni tanto scriverò alcune proposte che faccio negli incontri di psicomotricità e che possono essere rifatte facilmente a casa, invitando qualche amichetto o per animare qualche festa di compleanno, visto che spesso il materiale che uso è di riciclo o per lo meno di facile reperibilità.

Gioco "Gita allo zoo" durante la festa di Lily


PS: La cosa più diffcile sarà documentare il tutto con delle foto visto che in genere sono troppo concentrata sui bambini e mi dimentico di immortalare le varie situazioni...portate pazienza, migliorerò! 

martedì 6 novembre 2012

Nuova vita ai leggins!

da leggins a sacchetto

A volte succede: si cade e i pantaloni si strappano...specialmente a Lily, la nostra scimmietta!
Questa volta però non me la sono sentita di buttare via i leggins rotti... e per fortuna, perchè già dopo pochi giorni ho avuto modo di riciclarli! 
A scuola mi hanno chiesto un sacchetto porta calze antiscivolo per le bimbe e così ne ho cucito uno con la gamba dei pantaloni rimasta intera.
Il procedimento è abbastanza intuitivo, basta guardare le foto, il cordino l'ho realizzato con dei pezzi di lana bianca e cotone rosa attorcigliati, mentre per decorare il sacchetto ho usato i pennarelli per la stoffa. 
La cosa che mi ha dato maggiore soddisfazione? La reazione di BB di somma felicità e orgoglio della sua mamma quando le ho dato il sacchettino finito!

lunedì 5 novembre 2012

Mangiatoia per uccelli

le nostre mangiatoie per gli uccelli


Qualche giorno fa abbiamo preparato il balcone per l’inverno, Franci al lavoro ha recuperato una serra dove abbiamo riposto tutte le piante che soffrono il freddo e poi abbiamo piantato i bulbi per la primavera.

Dopo che era tutto pronto però abbiamo voluto pensare anche ai nostri amici uccellini che ogni tanto ci fanno visita sul balcone e abbiamo costruito una mangiatoia pensile per uccelli.

Lo spunto lo abbiamo preso da qui e poi ci siamo arrangiati con quello che avevamo in casa.

Abbiamo utilizzato i due gusci di una noce di cocco mangiata durante l’estate, le abbiamo forate e vi abbiamo infilato il filo per appenderle. Inoltre abbiamo messo dello scotch per evitare che il grasso sciolto fuoriuscisse dai fori(ma non è servito granché...l’anno prossimo useremo del pongo  o qualcos’altro di più resistente).

Poi in un pentolino abbiamo fatto sciogliere della margarina e vi abbiamo mescolato dentro semi di lino, semi di sesamo, semi del nostro girasole, uva passa, e un po’ di corn-flakes. Abbiamo versato il composto nei gusci  e lo abbiamo lasciato rassodare...e poi l’abbiamo appeso sul balcone della cucina.



Peccato solo che il giorno dopo splendeva il sole e c’erano di nuovo 20 gradi, in parte il composto ha cominciato a sgocciolare sul balcone (che schifo!)...li abbiamo spostati sul balcone esposto a nord e lì va meglio, e per mia somma soddisfazione oggi tutto intorno abbiamo trovato chiare "tracce" che degli uccellini sono passati e si sono cibati!

domenica 4 novembre 2012

Fiori di carta e frikadellen


Da quando abbiamo scoperto su questo sito questi fiori di carta fatti con gli acquerelli e semplicissimi da realizzare per i bambini, stiamo continuando a sfruttarli per ogni occasione: un biglietto d'auguri per la nonna, un omaggio floreale per le maestre, un abbellimento per il vecchio orologio della cucina, dei porta tovaglioli per gli ospiti.



Tra l'altro per gli ospiti ho preparato un secondo tipico della Germania: Frikadellen secondo la ricetta di mia madre!
In sostanza sono delle polpette, ma super buone. 
Il segreto è che insieme ai soliti ingredienti (carne macinata, pangrattato, uovo, sale, pepe, prezzemolo) si aggiunge anche una bella spruzzata di limone e un soffritto di pancetta affumicata a dadini e cipolla...ok non è una ricetta propriamente dietetica, ma ogni tanto si può!

sabato 3 novembre 2012

Caro diario...



Negli ultimi giorni, complice il ponte del primo novembre, abbiamo passato dei bellissimi momenti insieme come famiglia.
Giovedì pioveva e così abbiamo passato la giornata in cucina a preparare la nostra mangiatoia per gli uccelli (di cui vi parlerò in un altro post!) e la pizza, nonchè a fare un giro in bici per smaltire tutta la pizza mangiata!

Verona

Ieri invece c'era un magnifico sole e così abbiamo deciso di fare un giro in centro a Verona perchè erano veramente secoli che non ci andavamo...girare in centro città non è proprio facile con due bimbe, ma è bastato guardare un pò i piccioni, fare un salto alla "Città del Sole" (che è un negozio meraviglioso di giochi educativi), e poi pranzare con un panzerotto caldo sul ponte di Castelvecchio per renderla una mattinata gradevole anche per loro. 
In più abbiamo fatto scegliere ad ognuna una cosa alla Città del sole, spiegando che anche se non abbiamo festeggiao Halloween "come tutti" (per Lily, pur comprendendone i motivi, non è stato facilissimo da accettare) non è detto che non abbiamo altri momenti belli e speciali e a volte anche qualche sorpresa.Tra l'altro le cose che hanno scelto mi sono piaciute molto: un caleidoscopio di latta e un nastro da danza ritmica tutto colorato (e facile da rifare...magari sfruttandolo come regalino per i prossimi compleanni!).

Oggi poi è stata una giornata di tutto relax: la mattina abbiamo portato le bimbe dai nonni per un'oretta a drogarsi di cartoni (sì, il non avere la tv in casa produce questo effetto!) mentre noi due siamo andati a fare un po' di nordic walking. Il pomeriggio poi è stato dedicato a suonare il pianoforte, finire un lavoro a maglia e a giocare a giochi da tavola e nascondino (che quando c'è il papà fa sempre molto ridere!). 

Dopo l'anno appena passato, che è stato così duro per me da un punto di vista fisico e psichico, ringrazio Dio ancora di più per ogni momento meraviglioso che mi sta facendo passare in salute e con  la mia famiglia!

venerdì 2 novembre 2012

Pon-Pon


E' tempo di lavoretti a casa nostra, a volte con qualche amichetto, a volte anche da soli. In genere è Lily che ha più pazienza e costanza nell' eseguirli, ma questa volta anche BB ha dato il meglio di sè facendo questo bellissimo pon-pon utilizzando una forchettona. L'idea non è mia, ma l'ho presa da qui...sono povera di fantasia, ma compenso sapendo cercare bene nel web, he! he!

giovedì 1 novembre 2012

Tulipani


gli ultimi fiori che ancora stanno resistendo

E' arrivato il fredddo e allora è giunto per noi il tempo di piantare i nosti amati tulipani.E' una cosa bellissima per me vedere durante il lungo inverno come la natura non è morta, ma cova già in sè la rinascita.
Da quando siamo sposati (dal lontano 2004!) è ormai tradizione avere i tulipani sul balcone a primavera e quest'anno siamo andati addirittura in Olanda a comprarli!


Quest'estate durante il nostro giro in Germania tra parenti vari, un giorno siamo andati con lo zio Miche a una grandissima Expo dei fiori (Floriade), che si svolge solo ogni 10 anni, a Venlo in Olanda...è stata una giornata bellissima e interessante e già che eravamo lì non potevamo non comprare un pò di bulbi nuovi, no?



Floriade Agosto 2012
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...